Thomas

La Galleria Tiziana Di Caro ha il piacere di inaugurare la prima mostra personale in Italia di Antonia Carrara (Roma, 1982), Thomas, venerdì 18 maggio 2012 dalle ore 19.00.

Cosa c'é in un nome?

Thomas funziona al contempo come un nome e un titolo, un personaggio e un'idea, uno schermo e un proiettore. Antonia Carrara compone la mostra con opere - per la maggior parte realizzate nel 2012 – che, utilizzando vari mezzi espressivi, si avvalgono di un comune multiplo; un nome, un possibile corpo nato nel linguaggio, che prende e cambia forma nella lettura. Thomas Mann, Thomas L'Impostore, Thomas Bernhard, Dylan Thomas, Thomas Edison, Thomas l'Oscuro… Personaggi, interpreti e sosia che promettono storie infinite e al contempo ne escludono altrettante, con il solo potere di un nome.

Il nome serve da scusa, un codice che assicura l'anonimato. Permette alle opere di apparire come indizi, o come i silenziosi presentimenti che precedono la lettura e poi persistono. In questo contesto, il contenuto di ogni lavoro diventa una variabile dell'intuito. Il corpo della mostra rimanda a fenomeni di sinestesia. Attraverso l'interpretazione di movimenti, gesti e costruzioni visive, l'artista tesse una trama che coinvolge ed interroga rapporti tra meccanismi sensoriali e intellettuali - l'impatto tra due mani (nel dittico Certanly not. Against, 2012), il chiudersi e l'aprirsi di uno sguardo (nel video Little resources he sailed, 2011), una visione stereoscopica (Proof that inadequate, 2012). L'ascolto, l'interpretazione, la vista sono truccati dal lavoro della memoria.

Carrara ricerca elementi del linguaggio letterario e poetico, e li trasfigura nel reame visivo, oscillando costantemente tra ciò che non può essere articolato nel linguaggio e momenti molto vividi. Tutti i titoli delle opere in mostra sono frammenti tratti da un racconto di Kafka, Il Silenzio delle Sirene (1917) - testo in cui la forza visionaria del canto di queste creature mitiche é messa alla prova dal potenziale inesauribile del loro silenzio, una promessa di conoscenza infinita.

Cosa c'é in un nome? E come cambia quando da scritto diventa chiamato?

Unico elemento naturale tra le opere presentate, una conchiglia (componente centrale dell'installazione A Sort Of Shield, 2012) allude a un punto di ricezione e diffusione di un suono possibile, della possibilità del suono - e della parola. Come Kafka immagina il potere delle sirene nel loro silenzio piuttosto che nel loro canto, Carrara investiga un intervallo di trasformazione, il silenzioso e discreto cambiamento tra un Thomas e l'altro.

Installation view

Artworks displayed

data-lcl-author

Antonia Carrara

Certainly not. Against, 2012,
dittico, stampa su alluminio
cm 80 x 60 (ognuno),
ed. 1 + 1 A.P. ,
(dettaglio)

data-lcl-author

Antonia Carrara

Traduzioni, 
2012,
traduzioni registrate su nastro, DVD, pendrive e pagine di Thomas l'Obscure by Maurice Blanchot,

data-lcl-author

Antonia Carrara

Proof that inadequate, 
2012,
specchio stereoscopico, legno, specchi, carta,
cm 25 x 120 x 15

data-lcl-author

Antonia Carrara

All travelers, 
2012,
specchio parzialmente cancellato, pagina di libro, vetro,
cm 25 x 18

data-lcl-author

Antonia Carrara

A sort of shield, 
2012,
lampade, conchiglia,
cm 100 x 100 x 50

data-lcl-author

Antonia Carrara

Little resources he sailed, 
2012,
video installazione,
loop

data-lcl-author

Antonia Carrara

To retain as long as they could, 
2012,
legno, vernice spray,
cm 220 x 170 x 180

data-lcl-author

Antonia Carrara

Unheard around him, 
2012,
fotocopia su vetro, acrilico, carta,
cm 30 x 20